UTILITIES: ISOLAMENTO ACUSTICO, LE 3 TIPOLOGIE DI RUMORI

da Super User
in Blog
Visite: 865

Con quest'articolo iniziamo a parlare di un argomento che è diventato parte integrante della nostra vita quotidiana oltre che argomento imprescindibile della progettazione moderna.

L'isolamento acustico.

In questa serie di articoli ci faremo aiutare nelle spiegazioni dal manuale "Soluzioni tecniche e progettuali per l'isolamento acustico degli edifici" scritto da Corinne Bounnaure, edito da Maggioli Editore.

Come sempre specifico che non ho alcun guadagno a citare determinati testi ma lo faccio perchè li utilizzo e li ritengo validi.

Ma ritorniamo al tema dell'articolo ...

Come sappiamo il rumore è un qualcosa che disturba profondamente qualsiasi nostra attività, sia essa lavorativa, svago o riposo. I danni psico-fisici alla salute causati dal rumore sono oramai riconosciuti; questo sta portando alla creazione di norme ad  hoc, in particolar modo per ciò che concerne la progettazione e la realizzazione di un immobile. Nel 1995, in Italia, venne emanata la "Legge quadro sull'inquinamento acustico" (n.447 del 26/10/1995) che stabiliva le competenze dello Stato in materia di progettazione, ristrutturazione edilizie ed esecuzione ai fini della tutela dall'inquinamento acustico. Successivamente sono stati emanati Decreti Ministeriali e sono state recepite alcune direttive UNI/EN e UNI/TR. Ad esempio nel 2010 è stata pubblicata la UNI 11367 stabilisce che la classificazione acustica può essere effettuata sia classificando (acusticamente) una Unità Immobiliare (U.I.)  considerando  ciascuno dei requisiti prestazionali che dando un unico valore frutto della media dei valori dei suddetti requisiti; qualsiasi sia il caso la verifica  delle prestazioni dovrà essere fatta tramite collaudo.

Esistono  3 tipologie di isolamento:

  • Isolamento acustico per rumori trasmessi per via aerea
  • Isolamento dal rumore d’urto
  • Isolamento dai rumori impiantistici

L’ing. Bounnaure nel suo manuale definisce l’isolamento acustico dal rumore trasmesso per via aerea “la capacità di una unità  tecnologica di opporsi alla trasmissione del suono da un ambiente all’altro, sia che essa costituisca separazione di ambienti interni sia che si collochi tra un ambiente interno ed uno esterno”. Dove per unità tecnologica si intende – semplificando - tutte quelle funzioni tra esse tecnologicamente compatibili necessarie al raggiungimento delle prestazioni necessarie (v. UNI 10838).

Ad esempio: se abbiamo una parete, un infisso e uno zoccolino (elementi tecnici), tutti e tre gli elementi avranno una propria “funzione tecnologica” atta all’isolamento acustico. La prestazione dell’Unità Tecnologica  sarà data dalla sommatoria delle funzioni di tutti e tre gli elementi.

Per definire l'isolamento dal rumore d'urto è necessario ricordare che il rumore si trasmette, oltre che per via aerea, anche attraverso i solidi - si ricordino i vecchi film western dove l'indiano capiva l'arrivo del treno poggiando l'orecchio sul terreno - percorrendo lunghe distanze. Questo processo è chiamato "propagazione per via solida del suono" e avviene principalmente - nel nostro caso - attraverso l'urto di un qualcosa con una parte - componente - dell'edificio. Il caso più comune è il rumore da calpestio.

L'utimo caso oggi trattato è l'isolamento dai rumori impiantistici. Uno dei fenomeni rumorosi più fastidiosi è quello prodotto dagli impianti di un edificio. Questo rumore si valuta mediante il disturbo che esso provoca direttamente.

Sia gli impianti a funzionamento continuo che quelli a funzionamento discontinuo producono dei rumori. I primi sono essenzialmente costanti, i secondi variano per numero e intensità. Questo fa si che ogni impianto debba avere un idoneo isolamento acustico perchè, alla lunga, anche il rumore più insignificante - se udito in maniera continua  - può provocare danni seri alla nostra salute psico fisica.


Nei prossimi articoli continueremo ad occuparti dell’isolamento acustico da rumore trasmesso per via area, urto e impiantistica soprattutto parlando delle regole pratiche di progettazione e illustrando alcune soluzioni.
Per qualsiasi informazione, chiarimento o se semplicemente ritenete l’articolo interessante lasciate un commento o contattatemi.

Leave your comments

Comments

  • No comments found